Il comune di San Leonardo sarà fra i primi in Regione ad ammodernare il proprio piano regolatore adeguandolo al Piano paesaggistico regionale. È quanto ha stabilito, all’unanimità, il consiglio comunale dello scorso 15 ottobre, dando così mandato agli uffici che redigeranno ora il nuovo strumento urbanistico.
Sia il sindaco Antonio Comugnaro che l’ingegnere Francesco De Cillia, responsabile del procedimento che è intervenuto durante l’assemblea, hanno evidenziato come le novità che potranno portare i cambiamenti più significativi, soprattutto per le aziende del settore, sono quelle relative alla nuova definizione di zona boschiva.
Di qui quindi l’invito, rivolto a tutti i cittadini, a partecipare agli incontri informativi, il primo dei quali, ha detto Comugnaro, si terrà nel capoluogo prima della fine dell’anno.
Con l’astensione dell’opposizione il Consiglio ha quindi approvato anche il nuovo Dup semplificato (Documento unico di programmazione, in cui spiccano i lavori previsti per il sesto lotto del progetto di riqualificazione dei borghi rurali) e, all’unanimità, ha rinnovato la convenzione con i comuni limitrofi di Stregna e San Leonardo per il trasporto scolastico.
Su quest’ultimo punto Michela Predan, dai banchi dell’opposizione, ha sollecitato il coinvolgimento nella rete dei trasporti per i bambini anche i comuni di Cividale, da cui provengono alcuni bambini iscritti al plesso scolastico di San Leonardo, e di San Pietro al Natisone, dove, invece, vengono trasportati con due mezzi – di Stregna e Grimacco – alcuni bimbi residenti nei tre comuni.
Comugnaro ha però replicato che difficilmente i due comuni avranno interesse ad investire parte delle risorse del proprio bilancio per questa voce di spesa.