Nessuna sorpresa: Cividale si conferma roccaforte del centrodestra. Per la prima volta nella storia della città è stata eletta sindaca una donna, Daniela Bernardi – già vice dell’uscente Stefano Balloch – in quota Lega. Bernardi, nelle amministrative del 20 e 21 settembre, ha ottenuto il 62,73 per cento dei voti. Non è riuscito nella ‘missione impossibile’ di rendere contendibile lo scranno di primo cittadino il suo avversario Fabio Antonio Manzini, espressione del centrosinistra, che ha ottenuto il 37,27 per cento dei voti. A fronte di un’affluenza del 65 per cento, ossia quasi 4 punti in più rispetto a 5 anni fa nonostante l’emergenza sanitaria, il centrosinistra ha in ogni caso ridotto il gap con il centrodestra: nel 2015 Balloch – che si proponeva per il secondo mandato – aveva ottenuto il 64,19 per cento dei voti contro l’allora sfidante Massimo Martina che si era fermato al 34,52.

Rilevanti, ai fini della definizione degli equilibri interni al centrodestra anche per la futura composizione della giunta, i risultati parziali delle liste che hanno sostenuto la corsa di Bernardi. Il ‘derby’ se lo aggiudica, per un’incollatura, Forza Cividale, espressione locale di Forza Italia, che ottiene il 20,4 per cento dei consensi (1071 voti). 47 voti in più della Lega Salvini premier che si ferma al 19,5 per cento. Un sorpasso che ribalta i risultati di 5 anni fa, ma anche delle politiche 2018 e delle europee del 2019 quando la Lega a Cividale era stata il primo partito. Al terzo posto la Lista Civica Balloch per Cividale, con il 15,44 per cento (811 voti). Più staccata Fratelli d’Italia con il 10,95 per cento (575 voti).
Nel campo del centrosinistra, dove non ci sono simboli di partito, prevale Prospettiva civica con il 18,32 per cento (962 voti, terza lista più votata in assoluto). Seguono Civi_Ci con il 9,14 per cento (480 voti) e Impegno comune con il 6,25 per cento (328 voti).

Ne consegue che, nel prossimo consiglio comunale, siederanno sui banchi della maggioranza 4 eletti con Forza Cividale (Roberto Novelli, Catia Brinis, Giorgia Carlig e Manlio Boccolini), 3 della Lega (Rita Cozzi, Elia Miani, Flavio Pesante), 3 della Civica Balloch (Giuseppe Ruolo, Stefano Coceano, Angela Zappulla) e 2 di Fratelli d’Italia (Davide Cantarutti e Lara Tosolini).
All’opposizione invece, oltre a Manzini, ci saranno 4 rappresentanti di Prospettiva civica (Elena Domenis, Marino Sodde, Alberto Diacoli e Luigi Martinis), 2 di Civi_Ci (Emanuela Gorgone e Bruno Roiatti) e un rappresentante di Impegno comune (Alberto Contento).