giro_pulferoLa voce era nell’aria da tempo, ora è arrivata anche l’ufficialità da parte degli organizzatori. La 13esima tappa del Giro d’Italia, il prossimo 20 maggio da Palmanova a Cividale con la parte sportivamente più interessante che si svilupperà sui saliscendi delle strade delle valli del Natisone e del Torre, toccherà anche il comune di Pulfero. Dopo un primo passaggio nella città ducale infatti, diversamente da come previsto nel percorso originale, la “carovana rosa” si dirigerà verso la frazione di Ponte San Quirino, da lì, senza attraversare il ponte sul Natisone, il percorso proseguirà sulla strada che costeggia la sponda destra del fiume per attraversarlo sul ponte di Tiglio e ritornare sulla strada statale 56 in direzione di San Pietro. Una modifica fortemente voluta dall’amministrazione comunale del sindaco Camillo Melissa che già al momento della presentazione della tappa friulana della corsa rosa non aveva nascosto un certo malumore. Fra quelli che vengono comunemente considerati i sette comuni delle valli del Natisone, infatti, il territorio di Pulfero era l’unico ad essere stato escluso del percorso. Una scelta poi “sanata” da questa modifica visto che la corsa attraverserà il tratto che va grossomodo dalla frazione di Spagnut e, attraverso gli abitati di Biacis e Cras, fino al ponte sul Natisone in prossimità di Tiglio.  Soddisfatto quindi il sindaco Camillo Melissa che – affidando le sue dichiarazioni ad una nota – ci tiene a ringraziare “a nome dell’Amministrazione comunale, tutti coloro che si sono attivati per questo risultato importante, in particolare Enzo Cainero (“deus ex machina” delle tappe friulane del Giro ndr) ed il vicepresidente della giunta regionale Sergio Bolzonello. Il transito della tappa per le Valli del Natisone è senza dubbio un’opportunità importantissima per lo sviluppo turistico, sviluppo al centro del nostro impegno amministrativo e che grazie alle collaborazioni instaurate sta già dando frutti importanti, come ad esempio i seimila e oltre visitatori in Grotta d’Antro nel 2015”.
E proprio per sfruttare al meglio, ai fini della promozione del territorio, la visibilità mediatica della tappa del prossimo 20 maggio, a seguito dell’affollata assemblea fra associazioni ed amministrazioni dei comuni delle valli del Natisone tenutasi a San Leonardo lo scorso 12 gennaio, si è costituito il comitato ‘Valli in Rosa’. Sotto la regia della Proloco Nediške doline e raccolte le indicazioni di quanti hanno partecipato all’incontro di San Leonardo, il comitato si propone di raccogliere le idee e coordinare le attività in vista della tappa del Giro. Già lo scorso 20 gennaio il comitato ha individuato come rappresentanti  Luca Bosco, Michela Carlig e Tiziano Manzini. “È una occasione imperdibile per promuovere le Valli del Natisone – fanno sapere i rappresentanti di Valli in rosa -, un treno che non possiamo perdere e sul quale saliremo a tutti i costi”.