La Regione ha deciso: 900 mila euro per lo sviluppo della Benecia

La Regione, con un emendamento al bilancio di previsione per il 2022, ha ripartito i fondi che derivano dalla legge di tutela per la minoranza slovena. Nell’emendamento, voluto espressamente dall’assessore regionale con delega alle minoranze, Pierpaolo Roberti, la quota prevista dall’articolo 21 per lo sviluppo socio-economico della comunità slovena della provincia di Udine passa da 500 mila a 900 mila euro. Nel complesso i quattro principali capitoli dell’intervento suddividono in questo modo i 10 milioni di euro previsti dalle legge 38: 6 milioni 100 mila per le organizzazione slovene in Italia, 2 milioni 100 mila per l’uso della lingua slovena nelle pubbliche istituzioni, 900 mila per la provincia di Udine e altri 900 mila in riserva.
L’intervento di Roberti, che chiude una serie di prese di posizione non sempre univoche all’interno della stessa comunità slovena, prevede, a fronte di una maggiorazione per gli sloveni della provincia di Udine, alcuni lievi tagli ad altre attività della minoranza.
L’emendamento dispone anche un aumento del contributo all’Istituto per la cultura slovena di San Pietro al Natisone, che il prossimo anno disporrà, per le sue attività, di 102 mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.