Il Consiglio di Stato dice Postregna

lucaIl Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato da Mauro Veneto nei confronti del sindaco di Stregna, Luca Postregna, che era diventato primo cittadino, proprio a scapito di Veneto, dopo la decisione del TAR di Trieste che aveva ribaltato il risultato delle elezioni comunali dello scorso anno. Si conclude una vicenda giudiziaria che era diretta conseguenza dello scontro elettorale che nel maggio 2014 aveva visto i due contendenti arrivare al traguardo con un solo voto di differenza, a favore di Veneto.

Un risultato ribaltato dal TAR (questi aveva ritenuto decisiva l’esistenza di una scheda, il cui voto di preferenza era stato attribuito a Veneto, recante un evidente segno di riconoscimento, costituito nell’apposizione di una ‘W’ prima del nome del candidato sindaco e di una piccola X a destra del nome).
In base a quella sentenza i due candidati erano giunti a pari merito e quindi diventava sindaco il più giovane, Postregna, che ora è stato confermato dal Consiglio di Stato.

Veneto si era rivolto all’organo  ricorrendo contro Luca Postregna, Caterina Dugaro, Franco Simoncig e Amerigo Dorbolò, riferendosi alla ritenuta invalidità della scheda riportante il segno ‘W’, ma chiedendo anche “l’inammissibilità del ricorso per omessa impugnazione specifica del verbale dell’Ufficio elettorale della Sezione n. 1 del Comune di Stregna”.

Il Consiglio di Stato ha rigettato però il ricorso affermando tra l’altro che “la nullità del voto si verifica solo quando dall’esame obiettivo della scheda emerge chiaramente l’intento dell’elettore di farsi riconoscere per cui i segni superflui, quelli eccedenti il modo normale d’indicare un determinato simbolo, le incertezze grafiche, nonché l’imprecisa collocazione dell’espressione del voto rispetto agli spazi a ciò riservati non sono elementi sintomatici idonei a determinare la nullità del voto stesso, qualora non sia evidente che l’irregolare compilazione sia preordinata al riconoscimento dell’autore.”
Sulla seconda questione, invece, “il verbale di proclamazione degli eletti, quale atto conclusivo del procedimento elettorale, è l’unico atto impugnabile”, e non quindi il verbale dell’Ufficio elettorale, come richiesto da Veneto. Il quale è stato anche condannato dal Consiglio di Stato al pagamento delle spese del grado di giudizio in favore di Postregna, Dugaro, Simoncig e Dorbolò, liquidate in complessivi 8 mila euro.

***

Enaintridesetletni Luca Postregna bo še naprej vodil Občino Srednje. Državni svet je včeraj namreč objavil razsodbo, s katero je zavrnil priziv bivšega župana Maura Veneta in potrdil odločitev Deželnega upravnega sodišča FJK, ki je decembra lani spreobrnilo izid upravnih volitev, ki so bile 25. maja 2014. Takrat je namreč za en sam glas (121 proti 120) prevladal kandidat desne sredine Veneto. Deželno upravno sodišče pa je nato ob ponovnem pregledu vseh glasovnic na podlagi priziva, ki ga je vložil Postregna, skupaj s Francom Simoncigom, Amerigom Dorbolojem in Caterino Dugaro, ocenilo, da je bil Venetu priznan en glas, ki bi moral biti razveljavljen (gre za glasovnico, na katero je volivec ob imenu župana Veneta zapisal na levi strani črko „W“ , na desni pa malo črko „x“). Po mnenju sodišča bi lahko ti znaki omogočili ugotovitev istovetnosti volivca. Končni rezultat volitev je bil tako 120 proti 120, 1. odstavek 13. člena deželnega zakona 19/2013 pa predvideva, da gre v primeru enakega števila prejetih glasov zmaga mlajšemu kandidatu in tako je po nekaj mesecih Venetovo mesto na čelu občinske uprave prevzel Postregna. Državni svet je na podlagi obravnave, ki je bila 19. maja, včeraj potrdil, da je deželno upravno sodišče decembra lani razsodilo pravilno, ko je razveljavilo omenjeno glasovnico. Obenem pa je državni svet tudi zavrnil Veneta, ki se je obregnil ob sprejemljivost priziva na deželno upravno sodišče Postregne in treh članov večine. Po njegovem mnenju naj ta ne bi smel biti sprejet, ker po koncu štetja glasov nihče ni podal pritožbe na zapisnik volilne komisije. Državni svet pa je potrdil, da je bil priziv povsem legitimen. Veneto bo moral plačati tudi sodne stroške v skupni višini 8 tisoč evrov.

sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.