Il prossimo anno scolastico – quello che salvo sorprese consentirà all’Istituto comprensivo bilingue di ‘riappropriarsi’ della propria sede di viale Azzida, ad oltre sei anni dall’ordinanza di sgombero dei locali – vedrà un ridimensionamento degli iscritti alle scuole dell’obbligo nelle Valli del Natisone. A ‘soffrire’ sono le scuole per l’infanzia e le medie inferiori. Per quanto riguarda le prime, i dati che ci sono stati trasmessi dai due istituti comprensivi presenti sul territorio, rivelano un calo degli iscritti nella scuola bilingue (-11) e in misura minore in quella di San Leonardo, mentre a San Pietro ci saranno 7 bambini in più rispetto all’anno scolastico in corso. Invariato il dato di 17 iscritti a Pulfero, anche se quelli del primo anno saranno solo 6. Per le scuole medie inferiori il calo riguarda principalmente le classi che appartengono all’istituto comprensivo in lingua italiana (-18). Infine le scuole primarie tengono soprattutto grazie alle sei classi della scuola bilingue, (+17), mentre si registra un calo a San Leonardo. Complessivamente l’istituto comprensivo di San Pietro con insegnamento in lingua italiana cala di 23 iscritti, quello con lingue di insegnamento italiano e sloveno aumenta di 5 unità.medie_sp