Postregna: “Con me un bel gruppo, conto sull’esperienza di Garbaz”

stregna1Quante aspettative c’erano realmente, sindaco Postregna, rispetto alla decisione del Tribunale amministrativo regionale?
“Avevamo avuto due segnali che ci inducevano a sperare: intanto l’accoglimento del nostro ricorso, in settembre, e poi il fatto che il Servizio elettorale regionale aveva consegnato al TAR una relazione nella quale veniva annullata a Veneto una scheda. Non era un parere vincolante, però era importante sapere che non eravamo gli unici a sostenere questa posizione.”
Una delle prime cose da affrontare, l’ha detto subito dopo la nomina, riguarda la riconciliazione e la riappacificazione fra i cittadini del comune di Stregna. Come pensa di farlo concretamente?
“Forse è un po’ prematuro parlarne, posso però dire che già in queste ore mi sto adoperando per organizzare un colloquio con i rappresentanti dell’opposizione. Anche per capire se ci sono da parte loro intenzioni distensive o se avranno lo stesso atteggiamento che hanno tenuto sino a quando erano maggioranza.”
Altri aspetti concreti: la nomina dei membri della giunta ed il primo consiglio comunale da sindaco.
“Sul consiglio, visto che abbiamo un segretario a scavalco e ci sono le festività, arriviamo a gennaio. Per quanto riguarda la giunta ho le idee piuttosto chiare ma voglio prendermi ancora del tempo per formalizzare le nomine.”
Non dovrebbe essere difficile, dalle due liste che l’hanno appoggiata sono emersi consiglieri con esperienza, se non amministrativa, almeno di lavoro con le associazioni del territorio.
“È innegabile che mi ritrovo a lavorare con un bel gruppo (che ringrazio per il sostegno, come ringrazio l’avvocato Salvatore Pitaleri per quanto fatto rispetto al ricorso), e tra questi almeno una persona, l’ex sindaco Claudio Garbaz, con un’esperienza amministrativa sostanziale. Sarà gradito il suo contributo, visto che per molti altri la situazione è nuova. Conto poi sugli stimoli di coloro che lavorano nell’associazionismo, nel volontariato.”
È presto per parlare di qualcosa che accadrà tra poco meno di un anno, ma una delle situazione di contrasto, a Stregna, negli ultimi anni è stato il Burnjak. Come affronterà questo aspetto la nuova amministrazione?
“Intanto devo dire che il Burnjak è una manifestazione importante per tutto il territorio delle valli del Natisone, e quindi la sosterremo al di là di quali saranno le associazioni che la organizzeranno. Non possiamo neanche azzerare quanto è stato fatto negli ultimi cinque anni, la sfida sarà riuscire a creare altre manifestazioni in altri periodi dell’anno, cercando collaborazioni anche al di fuori del nostro comune.”
Per concludere, se dovesse raccontare con poche parole il primo impatto con la macchina amministrativa comunale cosa direbbe?
“Ho passato diverse ore in municipio, negli ultimi giorni, e la situazione la definirei caotica. Dovuta anche alle scadenze dei pagamenti delle tasse, visto che tanta gente viene qui a chiedere chiarimenti, al fatto che siamo a fine anno, e ovviamente all’insediamento della nuova amministrazione. Il lavoro, per me ma anche per il personale, non manca di certo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.