In occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (17-25 novembre) che quest’anno pone l’accento sui rifiuti pericolosi, l’Ufficio di statistica statale ha fatto sapere che in Slovenia nel 2017 sono state prodotte quasi 6.700 tonnellate di rifiuti urbani pericolosi, in media 3,2 kg per abitante. Quasi due terzi di questi sono stati prodotti dai nuclei familiari: per il 74% si trattava di apparecchiature elettriche ed elettroniche. In totale, quindi, prendendo in considerazione anche gli scarti industriali, le tonnellate di rifiuti pericolosi in Slovenia sono state 133.000. In dieci anni l’aumento registrato è stato del 32%.