Druzega ženarja so spet odparli obiskovalni center an agriturizem na Vartači, v sauonjskrm kamunu na ciesti pruot Matajurju. Daržita ga dvie mlade čeče iz naših kraju, Giulia Chiacig iz Utane (Podutana) an Francesca Struchil iz Bijač (Podbuniesac). Francesca je že dielala tle nomalo cajta, kar je center daržala zadruga La sorgente. Kar tela je pustila, Kamun je muoru spet napravt razpis, takuo de ona kupe z Giulio (nje mama an ta imajo gostilno v Utani) je pomislila, de tisti je biu te pravi cajt za vzet v roke tak prestor. Center na Vartači je zaries optimalen če pomislimo, de je na poti, ki iz doline peje na Matajur an Matajurju je tak kraj, kamar ljudje hodejo celo lieto. Še posebno pozime, kar koča Pelizzo je zaparta, Vartača je edini prestor, kjer se more furešt ustavt za kiek pojest, priet ku se uarne v dolino. Ku vsaka oštarija, ki je še odparta po naših gorah, tudi tle hodejo pogostu an domačini (iz Tarčmuna, Čeplešišča an iz okolice) za kiek dobrega popit an se poklepetat, saj vemo, de je po naših vaseh nimar manj judi an manj možnosti za se kupe ušafat.giulia_francesca

Dallo scorso 2 gennaio ha riaperto, dopo una pausa, il Centro visite e agriturismo Vartacia, nel comune di Savogna, sulla strada che dalla valle conduce al Matajur. Posizione strategica, viste le molte visite quotidiane, in qualsiasi stagione, alle bellezze naturali offerte dalla montagna. Ad ottenere dal Comune, attraverso la partecipazione ad un bando, la gestione dei locali sono state le giovani Giulia Chiacig e Francesca Struchil. “Siamo molto contente – ci hanno detto – perché stiamo ottenendo un buon riscontro, ci sono clienti del luogo, affezionati al posto, ma anche tanti turisti. Abbiamo iniziato in pieno inverno ma ci siamo subito accorte che il freddo non scoraggia i visitatori, in gennaio abbiamo avuto persino dei clienti che, pur di fermarsi, hanno mangiato all’esterno.” Giulia e Francesca si occupano di tutto, anche della cucina, dove non mancano di preparare piatti tipici locali. Ora attendono le prossime settimane che saranno intense, con l’approssimarsi del passaggio della tappa del Giro d’Italia. Intanto hanno avviato collaborazioni in occasione di alcune camminate della Pro loco Nediške doline e della sezione Cai delle Valli. “In questo settore c’è movimento, alcuni giovani si stanno dando da fare, bisogna provare a rischiare, alla fine si viene ripagati” si dicono certe Giulia e Francesca.