Ritorna l’annuale appuntamento con gli incontri a tema scientifico, promossi dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso e Istruzione (SOMSI) di Cividale, nella tradizione aperta dal prof. Franco Quadrifoglio, e grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Udine, il Patrocinio del Comune di Cividale, di Federsanità ANCI FVG, dell’Associazione Gino Tosolini e di altre importanti realtà. Quest’anno il tema proposto è “Giovani / Anziani: averne cura.”
L’allungamento della vita è forse una delle più grandi conquiste delle società moderne occidentali, ma la domanda vera è se il numero degli anni guadagnati e la loro qualità stiano andando a braccetto. Secondo i geriatri italiani ormai un 65enne di oggi ha la forma fisica e cognitiva di un 40-45enne di 30 anni fa ed un 75enne quella di un individuo che aveva 55 anni nel 1980, nonostante ciò dopo i 25 anni, è inevitabile che subentri la senescenza. La paura di invecchiare male, l’angoscia della dipendenza (es. la malattia di Alzheimer) e la preoccupazione che il sistema di protezione sanitario e sociale non siano in grado di assicurare una efficace tutela sono grandi.
Gli argomenti verranno approfonditi in cinque incontri, uno ogni venerdì di maggio (3, 10, 17, 24 e 31), con inizio alle 19, nel salone della Somsi. Si inizierà domani, 3 maggio, proprio dalla paura di invecchiare male con Francesco Curcio (prof. di Patologia clinica) e Gian Luigi Gigli (prof. di neurologia). L’alimentazione sarà al centro dell’incontro del 10 maggio che avrà come relatori le professoresse Maria Parpinel e Sonia Calligaris ed il prof. Alessandro Cavarape. Il 17 maggio si parlerà di domotica, informatica ed intelligenza artificiale con i prof. Vincenzo Della Mea e Antonio Abramo, il 24 maggio della ‘in-sostenibilità’ della spesa sanitaria e pensionistica con i prof. Valeria Fili e Alessio Fornasin e la ricercatrice Laura Rizzi, ed infine, il 31 maggio si tornerà a parlare di alimenti ed evoluzione, tema che verrà illustrato dal prof. Angelo Vianello.
Le singole serate saranno introdotte da Gianluca Tell e Maria Cristina Novelli.