25 lit Muzea od tih rozajanskih judi

Litus to so 25 lit, ka somö ǵali gorë Muzeo od tih rozajanskih judi. Isö to jë bilu narëd 15 dnuw maja lëta 1995. Somö ga ǵali gorë za wojo ka karjë tih starih riči so bile se zgübile tu-w potresu ano po potresu anu to jë bilu praw naredit kej za wbranit itö ka jë bilu ostalu. Jüdi so mëli šćë ta-na livah, ökul planïn, ta-pod loǧah, te stare rëči ka forč nï nïso pa tëli je daržat već. Muzeo se ǵal gorë pa za wojo ka so parhajali ti furešt ka ni so barüwali da ka jë lipaga za vïdët tu-w Reziji. Te pärvi muzeo jë bil oǵan tu-w Bili ta-za Wurbjacë avošta lëta 1998 tu-w numu prefabrikato ka jë bil dal kumün. Za naredit muzeo so pogamali mladi ti slavinski z Tärsta anu Gurïce anu njeh profesörji. Ito muzeo jë bil oǵan wsakë lëtu avošta anu već ka kiri od naših ti mladi jë dëlal ito. So jë pa rüdi sprawjalu stare rëči, imprëste anu tö ta-po hiši. Muzeo je publikäl pa već lïbrinuw. Od lëta 2010 jë pa dan dëlavac ka dila. Lëtu za lëtu se jë vïdalu da se mörë naredit pa kej već. Anu itaku Muzeo jë doriväl küpit no staro hïšo ta-na Solbici, Plocawo hišo anu ito paraćät ne növe anu bujše mësta za muzeo. Anu itako to jë bilu. Otobarja lëta 2017 jë se oǵal muzeo ta-na Solbici. Od itadej već ka 10.000 judi jë wlëzlu nutar. Tu-w isamo muzeo so na vïdanjë në köj te stare rëči anu imprëšte ma pa pravice. Za wojo isogä ta-na miru jë löpu namulinana ta nüna Tïna Wajtawa, ka na znala karjë pravic anu na jë je pravila pa profesörju Milku Matičetov. Nö mëstu tu-w muzeo jë fïs za pravice anu za te jüdi, ka so študjali pravice. Lëta 2018 nö növë dëlu pöčal Muzeo wkop ziz awtoritadi. S pravice te ta-na Rado se jë šlo won za skopät anu študjät, da ka jë bilu tu-wnë na Radu anu kada jüdi so bili ito. Pa isa to jë na wridna anu lipa rič. Muzeo jë paraćäl za isö lëtu nö növë kazanjë ziz tïtulon “Od puvijala dardu kärsta”.  
Il 15 maggio del 1995 veniva istituita l’Associazione culturale “Museo della gente della Val Resia” con l’obiettivo di raccogliere, conservare, restaurare ed esporre materiale etnografico della vita di un tempo in valle andato, purtroppo, in gran parte perduto a seguito degli eventi sismici del 1976.
La prima raccolta etnografica museale in valle fu aperta nel mese di agosto del 1998 in una struttura temporanea in località Ta-za Wurbjace a San Giorgio/Bila grazie anche alla collaborazione di giovani studenti sloveni di Trieste e di Gorizia e dei loro mentori.
Nel corso degli anni alla raccolta del materiale si sono affiancate altre attività che hanno ulteriormente arricchito l’offerta museale. Tra queste anche quella pubblicistica con la stampa di diverse pubblicazioni.
Il progetto più ambizioso del Museo, fin dall’inizio dell’attività, fu quello di poter recuperare una antica casa resiana e destinarla a museo. Questo ambizioso progetto è stato portato a termine nel mese di ottobre 2017 con l’apertura del museo nella Casa Buttolo Ploc a Stolvizza, risalente al 1756, recuperata e restaurata esteriormente secondo la tipologia locale.
Da allora il Museo, che è aperto tutto l’anno, è stato visitato da più di 10.000 visitatori provenienti dal Friuli, dalla Slovenia e dall’Austria.
Questi hanno potuto visitare fino al mese di febbraio scorso la mostra Zverinice tu-w Reziji dedicata al ricco patrimonio di narrativa di tradizione orale. Quattro i temi proposti: i racconti ed il loro protagonisti, i narratori e l’arte del raccontare, le pubblicazioni e lo storytelling, gli studiosi di narrativa di tradizione orale con particolare riferimento al folklorista accademico Milko Matičetov. Dopo la chiusura forzata dovuta alla pandemia da Sars CoV-2 il museo è stato riaperto al pubblico mercoledì 3 giugno. Prossimamente verrà inaugurata la nuova mostra etnografica dal titolo “Od puvijala dardu kärsta/Dalla nascita al Battesimo/Od rojstva do krsta” che presenterà i particolari di questi due momenti della vita. La mostra presenterà anche i racconti che fanno riferimento a queste tematiche.
Dal 2018 il Museo si occupa anche dell’attività archeologia. In collaborazione con le autorità competenti, sono stati avviati gli scavi sul monte Grad sopra Stolvizza che hanno portato alla luce testimonianze risalente al tardo antico – alto medioevo.
In questi venticinque anni di attività il Museo ha avuto modo di crescere e svilupparsi, di operare nel campo della ricerca e dello studio, di accogliere i numerosi visitatori e di contribuire allo sviluppo culturale ed economico della valle. (LN)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.