Foto di Eugenio Spagnol

Un’istantanea del presente, in bilico fra l’eredità, genetica e culturale, degli antenati e la discontinuità che produce incertezza e preoccupazione delle post-moderne (bio)tecnologie. Con lo spettacolo di Marco Paolini, Filo filò, si è aperta, ieri 17 luglio, nella piazzetta del paese di Cicigolis (Pulfero), la 25esima edizione del Festival delle Valli del Natisone.

 

La rassegna, che proseguirà fino al 27 del mese, propone oltre 20 spettacoli che si terranno, come da tradizione per la manifestazione organizzata dal CTA di Gorizia, in suggestivi spazi dislocati in tutti i comuni delle valli del Natisone ed in quello sloveno di Caporetto. Il programma completo della rassegna è disponibile su https://www.festivaldellevallidelnatisone.net/