L’Istituto per la lingua slovena di Fran Ramovš del Centro di ricerche scientifiche dell’Accademia slovena delle scienze e delle arti ha indetto un sondaggio per scegliere la parola che più ha contraddistinto il 2018. Oltre duemila sono stati i votanti ed alla fine a prevalere è stata la parola “čebela (ape)”. In Slovenia l’apicoltura è un’attività storica e l’anno scorso, su iniziativa slovena, è stata celebrata la prima giornata mondiale dell’ape. Nella top ten subito dopo l’ape troviamo “mikroplastika” e “skodelica kave (tazzina di caffè)”, titolo di un celebre racconto di Ivan Cankar, di cui si ricordava il centenario della morte.