Oro, legno e pietra: 44 chiesette unite dalla storia e da un cammino

Un patrimonio artistico quasi del tutto sconosciuto al grande pubblico viene riportato alla ribalta e inserito nel contesto delle Valli del Natisone che sta cercando di spingere sull’acceleratore del turismo di prossimità, può diventare davvero un richiamo di grande portata. È questa l’idea, nonché l’auspicio, dal quale si è partiti per realizzare il Cammino delle 44 chiesette votive, inaugurato ufficialmente venerdì 18 marzo a San Pietro al Natisone. “Queste chiesette, con l’oro, il legno e la pietra, sono il tesoro nascosto della Slavia Friulana e rappresentano gli scambi culturali, linguistici e artistici di una terra di confine, tra Slovenia e Friuli Venezia Giulia,” ha ricordato nel suo intervento Antonio De Toni, presidente della Pro loco Nediške doline, ente che ha ideato e definito il percorso e, in collaborazione con studiosi ed esperti, ha tracciato e segnalato il cammino. Sono 122 chilometri di tracciato principale, 167 con alcune varianti, suddivisi in 10 tappe (partenza e arrivo a Cividale, dove si trova il Museo cristiano), raccontati al pubblico intervenuto all’inaugurazione da Angelo Sinuello e Marco Pascolino, guide ambientali dello studio naturalistico ForEst.
Un cammino che prende fortemente spunto dalle ricerche sulle nostre chiesette votive pubblicate in passato da Giuseppe Marchetti e Tarcisio Venuti, così come dal volume ‘Sulle strade di Andrea da Loka / Po poteh Andreja iz Loke’, raccolta delle relazioni esposte nel corso degli ‘Incontri culturali della Slavia friulana / Benečanski kulturni dnevi’ nel 1992. E che, casualmente ma forse non tanto, nel numero ricorda le chiesette rupestri di Matera, come ha sottolineato De Toni.
Inserito tra i Cammini ufficiali del Friuli Venezia Giulia, quello delle chiesette votive – due di queste, quella di San Quirino a San Pietro e quella di San Bartolomeo a Vernasso, sono state visitate prima dell’incontro nella sala consiliare – si fonda sulle relazioni culturali che si sono instaurate, a partire dalla seconda metà del Quattrocento, tra Slovenia e Friuli. L’ha raccontato bene lo storico Giorgio Banchig. “Tra le Valli del Natisone e la Valle dello Judrio – ha spiegato – ci sono 61 chiese su una superficie di 203 kmq, una chiesa ogni 3 chilometri e mezzo. La riscoperta di questo patrimonio artistico costituisce, assieme a quello della valle slovena dell’Isonzo, un unico corpus di grande rilievo in quest’area di contatto tra culture, lingue e storie di confine.” Della costruzione, dell’ampliamento e degli arredi delle chiese non si preoccupava la curia, ha chiarito Banchig, bensì le vicinie, le assemblee dei capifamiglia di ogni paese. Numerose chiese vennero costruite e ristrutturate da architetti provenienti dalla vicina Slovenia (il più noto fu Andrej di Škofja Loka), con uno stile che era stato recepito da quello dell’architettura praghese. L’epopea di scambi culturali venne suggellata poi dalla realizzazione degli ‘zlati oltarji’, gli altari lignei dorati ancora presenti in alcune chiesette votive.
Oltre a De Toni all’inaugurazione sono intervenuti il sindaco di San Pietro, Mariano Zufferli (“Il cammino è il risultato del lavoro di tante associazioni e volontari per poter mettere in evidenza una ricchezza storica, culturale e religiosa presente sul nostro territorio”), il presidente della Comunità di montagna del Natisone e Torre Mauro Steccati, il consigliere regionale Beppino Sibau, l’assessore comunale di Cividale Davide Cantarutti, il presidente di Mittelfest Roberto Corciulo e il parroco di San Pietro, don Alexandre Fontaine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.