kentVa in archivio anche la 22. edizione di Stazione di Topolò – Postaja Topolove che domenica 19 luglio si è conclusa con il concerto della violoncellista canadese Julia Kent in una radura tra gli alberi nei pressi del paese, quando ormai era notte fonda.
È stata, quella di domenica, anche la giornata dedicata a due presentazioni di libri. Il primo è ‘Olga Klavdarjova’ di Paolo Petricig, racconto storico apparso tra il 1992 ed il 1994 a puntate sul Novi Matajur. Ne ha parlato lo storico triestino Piero Purini, affermando l’acutezza dell’autore nella narrazione di vicende locali, legate alla famiglia Venuti, a quelle che nel periodo che andava dalla Prima alla Seconda guerra mondiale avvenivano nel mondo.
È seguita la presentazione del nono libro del progetto Koderjana, opera dello scrittore sloveno Miha Mazzini.
Numerosi gli eventi che si sono alternati anche nelle giornate precedenti, dai concerti dei Tambours di Topolò e della Topolovska Minimalna Orkestra all’incontro ‘clandestino’ con il regista sloveno Jan Cvitkovič.