rezija_goMuzeo ti tu-w Növi Gurïci jë organizät w tarok, 17 dnuw marča zvëčara no lipo rič ta-na Rezijo. Wkop ziz čirkolon “Rozajanski Dum” to jë se rumunïlo, da kaku Rozajanavi so hudïli wžë prit nu prit po svëtu. Se vi da Rezija to jë na lipa dulïna, na ma ne lipe visöke göre, ne lipe gozde, ne lipe väsi anu planïne ma wžë tu-w ti starih tïmpah nï bilu rat za žïvit. Jüdi so mëli njïve anu ni so redili žïvino ma isö to nï bilu rat. Tï ka so bili bojë möćni anu kuražni ni so se wzeli anu šle po svëtu jïškat dëlu anu no bujšë žïwjöst za se anu za sve jüdi.
Tu-w tih starih dokumintah se lehku lajà, da wžë pet šekuluw nazëd so bili Rozajanavi tu-wnë w Pragi. Anu ka ni so dëlali? Ni so bili nejveć kramarji, prodajawci. Šekule döpö so pöčali bet brüsarji. Brüsarji so bili nejveć z Solbice anu z Osojan. Ni so hüdili blïzu anu pa dalëč, karjë dalëč. Karjë njeh ni nïso pa paršle već damuw.
Žane so ostajale ta döma. Ni so mële vïdët za hïšo, živino, otroke, te stare, za njïve anu za planïno. Za muža kada jë šla pa žana, ma isö to jë bilu ridku. Po ti pärvi wöjski hćëri so pöčale tet dikle dardu nuw Milan anu nu w Rim. Dopo ni so nalažale dëlu pa bojë blïzu, dölo z Vïdan.
Wsë isö anu pa šćë drügë to jë se raklo w tarok tu-w muzeo. Jë bilu karjë judi anu tu-w zarobit već ka kiri jë pa pobaral kej.
Martedì 17 marzo al museo Kromberk di Nova Gorica è stata organizzata una serata dedicata a Resia ed in particolare all’emigrazione. Si sa che dalla Valle fin dal 16° secolo molti partivano in cerca di migliori condizioni di vita. Già in quel periodo vi era a Praga una colonia di resiani. L’attività prevalente era quella del venditore/kramar. Nell’Ottocento prende piede, soprattutto nelle frazioni di Stolvizza/Solbica e Oseacco/Osoanë l’attività di arrotino.
Le attività economiche praticate in valle, prevalentemente agricoltura ed allevamento, non erano sufficienti al fabbisogno familiare e questo, nel corso dei secoli, ha provocato continui flussi migratori verso terre anche lontane.
In paese restavano le donne il cui compito era quello di accudire alla famiglia, provvedere al bestiame ed alle attività agricole. Dopo la prima guerra mondiale anche le giovani iniziarono a dirigersi verso centri grandi, fino a Milano e Roma, per svolgere l’attività di aiutanti nelle case di ricche famiglie. Erano dette dikle. Questa attività, in minima parte viene ancora svolta da diverse signore.
Questi i temi che sono stati presentati durante la serata al museo Kromberk dal titolo “Rezija – ko so možje služili kruh po svetu in žene ostajale doma”, organizzata dal museo con la partecipazione del Circolo Culturale Resiano “Rozajanski Dum”.
Al termine della presentazione, dal numeroso pubblico presente diversi hanno posto domande dando modo di approfondire ulteriormente queste tematiche.