C’era una piccola folla ieri, 26 giugno, nel paese di Vernassino (comune di San Pietro al Natisone), ad abbracciarsi al fischio finale della partita degli ottavi di finale dei mondiali di calcio femminile fra Italia e Cina. Una soddisfazione doppia per la borgata il 2-0 finale a Montpellier che qualifica le azzurre ai quarti (in programma sabato alle 15 contro i Paesi Bassi): Valentina Cernoia infatti, centrocampista inamovibile nell’undici titolare della squadra, ha le sue origini proprio in paese dove ha una casa e dove torna spesso a trascorrere le vacanze. Ad assistere alla partita davanti alla tv nella strada del borgo c’erano amici, paesani e ben quattro sindaci delle valli del Natisone (Mariano Zufferli di San Pietro, Antonio Comugnaro di San Leonardo, Germano Cendou di Savogna e Camillo Melissa di Pulfero).
Anche ieri la Cernoia ha offerto un’ottima prestazione e, sin qui, si è dimostrata fra le migliori calciatrici dell’Italia. Unendo corsa, tecnica, intelligenza tattica, visione di gioco e un mancino preciso e potente. A Vernassino intanto c’è già chi si sta organizzando per andare a Lione ad assistere alla partita dei quarti di finale. Già in preparazione anche una grande festa per Valentina al suo rientro dalla Francia. Nella speranza che il cammino dell’Italia prosegua il più a lungo possibile.