Annemiek Van Vleuten, campionessa mondiale contro il tempo e maglia rosa dalla settima tappa in cui ha sbaragliato la concorrenza nella cronoscalata alla Dighe di Campo Moro, mette una seria ipoteca sul Giro Rosa con la vittoria nella penultima tappa, quella che ha portato le cicliste sullo Zoncolan. L’olandese si è dimostrata irresistibile nella scalata – per la prima volta nella storia il Giro Rosa saliva sullo Zoncolan dal versante di Ovaro – ed ha chiuso con 40 secondi di vantaggio sulla sudafricana Ashleigh Moolman-Pasio, unica a resistere parzialmente alla fuoriclasse olandese.  Al terzo posto, con quasi tre minuti di distacco l’australiana Amanda Spratt, che ha mantenuto la maglia verde dei gran premi della montagna. Nella classifica generala Van Vleuten precede di 3’35’’ Moolman-Pasio e di quasi sei minuti la Spratt. Van Vleuten è ora prima anche nella classifica a punti (maglia ciclamino). La maglia bianca di miglior giovane appartiene sempre all’italiana Sofia Bertizzolo, mentre la migliore delle italiane e detentrice della maglia blu è Elisa Longo Borghini, nona nella classifica generale.

Domani le atlete si sfideranno sulle strade del cividalese e delle valli del Natisone e del Torre. Il Giro Rosa si concluderà infatti con la tappa con partenza ed arrivo a Cividale del Friuli, dove già da stasera, 14 luglio, si fa sentire l’atmosfera magica della corsa rosa.